L'enorme sudario di cemento che ricopre i ruderi della città di Gibellina

Il Cretto di Gibellina, il sudario di cemento che ricopre la città

Il Cretto di Gibellina, o Cretto di Burri dal sul autore, Alberto Burri, è una delle opere contemporanee più incredibili della Sicilia.

Per molti anni ho ascoltato pareri contrastanti su questa opera, davvero molto forte.

Si tratta di una delle poche opere di land art in Italia e proprio nella sua forza comunicativa risiede la sua grandezza, a mio parere.

Gibellina vecchia e Gibellina nuova

Per chi non ricorda il terremoto del Belice del 1968, si tratta di uno degli eventi più disastrosi della Sicilia dei tempi moderni.

La cittadina di Gibellina venne ridotta ad un cumulo di macerie, come molte altre limitrofe.

Nel 1970 l’amministrazione comunale scelse di fondare una nuova Gibellina a circa 11 chilometri di distanza.

Non si trattava solo di una creare una città ex-novo, che già di per se è un concetto molto forte in Italia, ma di un progetto ben più ambizioso.

L’obiettivo era realizzare un museo a cielo aperto grazie alla partecipazione dei più importanti architetti ed artisti della scena mondiale.

Piazze silenziose e vuote di Gibellina nuova con opere d'arte

In passato tanti architetti ed urbanisti si erano cimentati nella progettazione astratta di città nuove e moderne, ma a Gibellina è stata data la possibilità di realizzare davvero questa utopia.

Parteciparono nomi come Pietro Consagra, Alberto e Giuseppe Samonà, Vittorio Gregotti e Ludovico Quaroni.

Un cantiere di studio e sperimentazione a cielo aperto.

Nuove formule di aggregazione urbana, sculture, edifici pubblici innovativi; questo doveva essere Gibellina nuova.

Il risultato; a mio parere deludente.

Il silenzio surreale a Gibellina nuova

I cittadini di Gibellina vecchia, per lo più contadini ed allevatori, si ritrovarono catapultati in abitazioni moderne e prive degli spazi necessari.

Racconti di cittadini che non sapevano dove mettere le proprie capre se non ne giardino del condominio, dovrebbero rendere l’idea della situazione.

Quella Sicilia non era pronta, e non lo è tutt’ora … per fortuna.

La porta trionfale di ingresso a Gibellina, a forma di grande fiore di cemento
Porta di ingresso a Gibellina, ph Davide Palmisano

Girando per le vie silenziose di Gibellina si percepisce lo spazio come immenso, ci si perde con lo sguardo in una città vuota.

Avete presente i film western, il silenzio irreale ed i rotolacampo che passano indisturbati,  sinonimo di desolazione e abbandono.

Occorre trovarsi lì per comprendere come spesso i progetti su carta non siano disegnati sulle e per le persone, ma solo forse per auto celebrazione di una società utopica.

Sicuramente è una meta di una Sicilia alternativa e la consiglio vivamente.

Ci si rende conto di molte cose, come l’importanza di spazi per la comunità adeguati e del perché i nostri centri storici siano una risorsa unica.

Larghe piazze vuote di Gibellina nuova
Piazza a Gibellina, ph Davide Palmisano

Cretto di Burri, il significato

Cretto significa crepa, spaccatura, o anche superficie intonacata.

Le rovine dell’antico paese di Gibellina vennero inglobate in grandi sarcofagi di cemento, lasciando inalterati gli spazi vuoti delle strade.

Alberto Burri, quando vide le macerie di Gibellina vecchia disse “ecco, io qui sento che potrei fare qualcosa. Io farei così: compattiamo le macerie che tanto sono un problema per tutti, le armiamo per bene, e con il cemento facciamo un immenso cretto bianco, così che resti perenne ricordo di quest’avvenimento”

Un grande sudario bianco in cemento, ricopre i resti di una città.

Il cemento arriva ad un’altezza di circa un metro e cinquanta centimetri, e questo permette, da certe angolazioni, di percepire l’intero spazio occupato dal paese.

Io non vi dico che il Cretto di Burri è bello.

Il Cretto è cemento buttato sulla campagna siciliana.

Il Cretto è potente.

Scorci dei muri del Cretto di cemento che ricoprono la città di Gibellina
Scorcio del Cretto di Burri, ph Davide Palmisano

Il Cretto di Burri lascia senza parole chiunque lo veda e chiunque percorra quelle vie, in silenzio.

Spesso un’opera non deve essere bella, deve essere potente per poter comunicare esattamente ciò che si vuole.

Il Cretto di Burri è una tra le opere d’Arte Contemporanea più estese al mondo.

I lavori del Cretto di Burri furono avviati nel 1985 e interrotti nel 1989. L’opera venne completata definitivamente nel maggio 2015.

Il Cretto di Burri e la memoria di Gibellina

Gibellina vecchia venne addirittura bombardata per evitare che la gente continuasse a tornare per recuperare i propri beni rischiando la morte.

I gibellinesi più anziani non accolsero di buon grado l’idea del Cretto di Burri.

Per molti di loro significava cancellare la memoria di un paese, di un popolo.

Altri invece l’accolsero come uno scrigno della memoria, un’opera durevole dall’eco prorompente.

Oggi inizia ad essere meta turistica e luogo che permette di scattare foto incredibili.

Conosciamoci meglio…

Vuoi essere sempre aggiornato sulle mie mete o semplicemente ti va di conoscermi meglio e scambiare quattro chiacchiere?

Seguimi su Instagram o sui social che trovi in alto alla pagina 🙂

Summary
Il Cretto di Gibellina, il sudario di cemento che ricopre la città
Article Name
Il Cretto di Gibellina, il sudario di cemento che ricopre la città
Description
Il Cretto di Burri a Gibellina è una delle opere contemporanee più incredibili della Sicilia, e tra le più estese al mondo. Un'opera di land art tra le poche in Italia, dalla grande forza comunicativa.
Author
Publisher Name
drittoxdritto
Publisher Logo

drittoxdritto

Sono Arianna, e nel mio blog racconto “viaggi di scoperta“.
Ti propongo percorsi di viaggio ed esperienze culturali attive, esclusive ed in grado di farti immergere in modo nuovo nella realtà dei territori che visiterai.

Perchè non curiosare anche qui...

4 commenti

  1. Posso dire che su Gibellina Nuova abbiamo avuto la stessa impressione! Avevo grandi aspettative e invece delusione… Peccato perché poteva essere un’ottima alternativa ai classici itinerari siciliani

    1. Diciamo che occorre guardarla con un occhio un pò diverso, non solo critico, ma cercando di capire cosa ci sta dietro quel progetto

  2. Confesso di non aver mai sentito parlare di quest’opera. Ma amo l’arte contemporanea, soprattutto quando viene creata per denuncia e per ricordo.

    1. È davvero un’opera che lascia senza fiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *