Itinerario da un giorno a Lucca. Capita che per lavoro si viaggi spesso in giro per l’Italia, ed in queste occasioni è bello poter assaporare, seppur con il poco tempo a disposizione, luoghi e sapori.

Per il mio rapido giro a Lucca di un pò più di mezza giornata, ho parcheggiato al parcheggio di Piazzale Don Franco Baroni (A), proseguendo a piedi verso la Porta San Maria (B), una delle porte che danno accesso al centro storico.

Le mete selezionate


N.B.- Cliccando sul pulsante a forma di quadrato (allarga schermo) della mappa potrai aprirla tramite la tua app di Google Maps !

C. Piazza Anfiteatro, che ricalca  l’antica arena romana. Uno spazio davvero caratterizzante, oserei dire caleidoscopico.

D. Chiesa di San Michele, che si erge in tutta la sua bellezza grazie ad una collocazione spaziale d’impatto nella piazza dove è collocata, che permette di godere appieno dei ricchi decori non solo della facciata, ma anche della parte laterale e del campanile. Una meraviglia di rigore e decoro per gli occhi.  Sulla sommità spicca una gigante statura dell’Arcangelo Michele ed una leggenda narra che si possa scorgere uno scintillio che proviene dalla stessa, appartenente ad uno  smeraldo mai stato ritrovato.

Chiesa di San Michele
Chiesa di San Michele

E. Piazza Napoleone, la più ampia del centro storico, dove erano allocati alcuni mercatini di artigianato di notevole interesse e qualità.

F. Duomo di San Martino.

G. Palazzo Bernardini e la pietra del diavolo. La particolarità di questo palazzo è uno stipite di pietra di una finestra posta al piano terra della facciata principale sulla piazza. Questa pietra è flessa quasi come fosse di legno o metallo. Si dice che il diavolo convinse  la famiglia a costruire un palazzo sove era posta un’immagine della Madonna. Proprio lì dove si trovava questa immagine votiva si trova la finestra, il cui stipite si incurvò e, neppure con la sua sostituzione o rinforzo in ferro è stato tutt’ora possibile raddrizzarla.

Palazzo Bernardini e la pietra del diavolo
Palazzo Bernardini e la pietra del diavolo

H. Torre Guinigi, la sua particolarità la sua sommità è incoronata da sette alberi di leccio. La vista da lì su (dopo circa 240 gradini) è davvero strepitosa.

Vista dalla Torre Guinigi
Vista dalla Torre Guinigi

E per finire una passeggiata sulle mura della città, percorribili e frequentate da sportivi.

Dormire a Lucca

Ho scelto un b&b in pieno centro storico per dormire a Lucca, perché volevo qualcosa di caldo ed accogliete, che mi permettesse di entrare in contatto con le persone del luogo.

In particolare il b&b Arena di Lucca ubicato proprio in piazza Anfiteatro. Pulito ed informale, mi sono trovata bene. Ottima colazione e accoglienza da parte della proprietaria.

Cosa mangiare

La maggior parte dei locali più blasonati, essendo un sabato, era già occupato. Ho trovato un posticino al ristorante Cantine Bernardini, dell’omonimo palazzo di cui sopra. Provati i tipici tortelli lucchesi al ragù, ottimi davvero, ed un antipasti con vari prodotti tipici tra cui formaggi, crema di fegatini, olive e salumi.

Vi ricordo che tutte le foto presenti su questo blog, ove non espressamente indicato, sono state scattate da me e pertanto, per poterle utilizzare dovrete avere una mia formale approvazione.

Conosciamoci meglio…

Vuoi essere sempre aggiornato sulle mie mete, o semplicemente ti va di conoscermi meglio e scambiare quattro chiacchiere?

Seguimi su Instagram o sui social che trovi in alto alla pagina 🙂

Summary
Un giorno a Lucca, una toccata e fuga
Article Name
Un giorno a Lucca, una toccata e fuga
Description
Un giorno in viaggio a Lucca, cosa vedere
Author
Publisher Name
drittoxdritto
Publisher Logo

Scritto da:

drittoxdritto

Sono Arianna, e nel mio blog racconto “viaggi di scoperta“.
Ti propongo percorsi di viaggio ed esperienze culturali attive, esclusive ed in grado di farti immergere in modo nuovo nella realtà dei territori che visiterai.